Chi siamo | Mappa del Sito | Per Iscriversi | Contatti | Rivista Archeologica Comense | ArcheoNotizie > Homepage
> Storia di Como

Volume V Tomo I - Introduzione
di Giorgio Rumi

Tra le città lombarde. Como è l'unica a non possedere ancora una sua storia paragonabile alla "madre di tutte le storie locali", la milanese edita dalla Fondazione Treccani. Il ritardo non è dovuto a torpore intellettuale: Como possiede gloriose istituzioni culturali, fra cui la "Storica" e "l'Archeologica" che hanno scavato in profondità nel passato della capitale lariana e, con un lavoro secolare, hanno approntato i materiali di base per la costruzione di una memoria storica modernamente attrezzata e culturalmente agguerrita. Infine la giovane sua Università dell'Insubria darà certo, col tempo, un contributo decisivo in argomento.
Il vero problema, per Como, sta in una singolare piega della sua vicenda secolare. La città ha visto progressivamente ridotta la sua sfera d'influenza: ha perso la Valtellina ai tempi della crisi dello stato Sforzesco; poi l'egemonia religiosa sulle terre ticinesi negli anni Ottanta del secolo diciannovesimo; il circondario di Varese sotto il fascismo e infine Lecco alla soglia del Duemila. Como e il suo territorio vanno definiti come per sottrazione e, insieme, per la persistenza di caratteri unitivi o, per dir così, gravitazionali: una prospettiva non semplice, con un rapporto complesso e variabile tra capoluogo e area circostante.


Questa storia di Como, redatta finalmente con criteri scientifici e senza retropensieri turistici o encomiastici, comincia dalla sequenza otto-novecentesca della vicenda, volendo poi risalire l'albero genealogico del capoluogo lariano. S'imbatte quindi con la gran questione della liberazione nazionale dallo straniero, per considerare poi il posto ed il ruolo nell'Italia unita. L'industrializzazione e la crisi politica e morale del Novecento non sono ripercorse come verifiche locali della più grande vicenda italiana, ma al contrario indagate alla ricerca di uno specifico comasco, insistito su differenze e specificità, soprattutto rispetto al rapporto con l'esterno: l'adiacente Confederazione Elvetica, e la triplice fisionomia del Comasco, articolato tra montagna, lago e "bassa", ciascuno con una sua vicenda particolare, e però inscindibilmente legata agli altri ed al capoluogo.
La storia di Como si configura quindi non come un blocco concettuale definito e quasi chiuso in sé. Essa si sostanzia anche come laboratorio stimolante per ulteriori ricerche, come richiede una metodologia storiografica non asseverativa, ma aperta e problematica, degna dell'antica dignità civile del soggetto, che la natura ha posto come porta verso l'Europa.

Clicca qui per visualizzare le immagini del Volume
 
 
 
 
 
 
PIANO DELL'OPERA
Vol. I Tomo II
Indice generale
Vol. V Tomo I
Prefazione
Introduzione
Indice generale
Ringraziamenti
Vol. V Tomo II
Introduzione
Indice generale
La Storia di Como
"La Provincia" 23/11/04
Vol. V Tomo III
Introduzione
Indice generale
Galleria immagini
Prenota un Volume
 
 
 
 
 
 
 
 



Copyright 2009 Società Archeologica Comense - Partita Iva: 00697810133 - email: [email protected]